16 gennaio, 2007

RETROMARCIA

Mi sa che questo trasloco non si farà.
Mi sa che, se va avanti così, forse nessun’altra cosa si farà insieme.

Perché Ancora Non Convivente dice che io non sono mai contenta, che non passa giorno che non ci sia qualcosa che non và tra di noi.

Giusto.

Tipo ieri sera, quando ho iniziato a spacchettare due scatoloni di roba che avevo portato a casa sua. Quando gli ho detto, secondo te dove la metto questa cosa? Lui si è alzato dal divano, mi ha suggerito un posto, poi è tornato davanti alla televisione, in piedi a guardarsi tutta l’intervista delle iene. Io andavo su e giù per la cucina e, francamente, cominciavo ad avere il magone. Perché credevo che avremmo guardato insieme dove mettere quei cazzo di bicchieri o dove spostare quelle dannate tazzine di merda!.
Perché trovarmi lì a spacchettare la mia roba, per metterla nella sua cucina mentre lui guardava la tv mi ha solo fatto sentirte un’intrusa, una che si trasferiva nella casa di un altro, non una donne che andava a vivere con qualcuno che ama.
Così quando ho finito di spacchettare tutto e me ne sono andata a dormire senza salutarlo mi sono sentita dire che mi incazzo sempre.

O come nella telefonata di poco fa.
Che non è possibile che lui sbagli sempre tutto, perché allora si chiede cosa stiamo facendo, se è il caso di andare avanti perché litighiamo tutti i giorni.

Già, è vero perché dimenticavo che domenica, quando è arrivato con un dito viola e gonfio che pareva rotto, e una gamba zoppicante perché era caduto in moto, gli ho detto di aspettare un attimo a prendere gli scatoloni che avevo preparato, perché erano pesanti. Mi sarei vestita e sarei scesa con lui. Ho voltato il culo e lui era già con gli scatoloni nell’ascensore.
Ecco, mi è venuto un nodo allo stomaco perché avevo paura che si facesse male, e non aveva aspettato nemmeno un minuto così mi sono innervosita e sono stata di cattivo umore finchè non è arrivato la sera e ci siamo urlati di tutto.

Mi ha detto che non è semplice per lui sentire che mi intristisco ogni volta che preparo qualcosa per portarla da lui, che nessuno mi ha costretta a trasferirmi e che dovrebbe essere un piacere, non una tristezza.

Vorrei che capisse che nemmeno per me è semplice, che non ho mai vissuto con un'altra persona e tantomeno con un cane, che non ho i miei genitori che mi appoggiano e che quella è la casa che ha arredato con la sua compagna e vorrei che insieme a me scegliesse almeno dove cazzo mettere i miei portafoto!!!!!!!!!!

Ma sembra che sia troppo capire le mie paure e ascoltarmi...basterebbe farlo un pò con il cuore.



8 commenti:

spin ha detto...

io credo che dopo questa "lettera" lo capirà.

Acer ha detto...

Scusami se sono brutalmente franco: ma scrivi qua queste cose per farle leggere a lui?
Perchè non vi sedete da qualche parte (meglio se fuori casa)guardandovi negli occhi e ne parlate con franchezza, ma anche con amore?

Ele ha detto...

no acer, l'ho scritto solo per sfogarmi, perchè prima di tutto l'ho detto a lui, ma non sembra servire.

Mukkamannara ha detto...

Piccoli passi.
Piccoli passi Ele
e soprattutto in avanti!

Costruire è sapere rinunciare alla perfezione.
Forse convivere è saper rinunciare alla singolitudine, ma anche entrare nella quotidianità.
Boh

Cmq i blog servono anche a questo.

Anonimo ha detto...

Ele...so che vorremmo uomini che condividano con noi tutto quello che piace a noi, che ci aiutino in casa ecc. ecc... io per anni ho sofferto x' il mio convivente non faceva con me l'albero di natale. avevo in mente questa immagine così calda e natalizia...ma lui è ateo, di quelli coerenti, e dell'albero non gliene frega nulla. ora,dopo menate tipo...se mi volessi veramente bene... me lo faccio da sola l'albero. ma non sono meno felice che lo facessi con lui. ci sono cose che è bello condividere, cose che non ci piacciono che facciamo per l'altro, cose che non è giusto imporre all'altro.Io credo tu sia molto spaventata, come lo è lui. Credo anche che lui ti voglia molto bene. Credo che questa sia la cosa più giusta che fai da un po' di anni a questa parte, e penso che in cuor tuo lo creda anche tu.
quindi...non irrigidirti troppo, prendila come viene, se no il rischio è di non vedere neanche più le cose belle che ci sono, che, ce ne sono. ti abbraccio
la mentina

Mukkamannara ha detto...

Ho venduto la Panda blu

Anonimo ha detto...

Ciccetta è un uomo. Certe cose non le capirà mai. Inizia ad abituarti fin da ora altrimenti non farete passi avanti.
Ci sono già passata :-(

Anonimo ha detto...

ero io ^_^
ro